Antifascista

***di Massimo Marnetto, 25 agosto 2021

Per evitare altre apologie del fascismo – come, tra le altre, l’inaccettabile proposta del Sottosegretario Claudio Durigon a favore di Arnaldo Mussolini – propongo di aggiungere una parola al giuramento di Ministri e Sottosegretari: «Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione antifascista e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della Nazione.»


Forse così sarebbe più facile smascherare il fascismo professato, anche quando si autoassolve come “relegato nella storia”. Ed espellere dal Governo chi può infettare la democrazia.

Niente di più di quanto già definito nel ’45 dal filosofo politico Karl Popper: l’intolleranza nei confronti dell’intolleranza è necessaria per preservare la natura tollerante di una società aperta.

Leggi anche:

  • 4. L’eredità schiavista e coloniale
    Sulla lunga durata, la realtà è che noi siamo proprio i figli dell’esperienza coloniale. E sarebbe ingenuo pensare che i suoi effetti possano essere cancellati nel giro di pochi decenni. Chi nasce oggi sul nostro pianeta non è personalmente responsabile di quella pesante eredità; ma ciascuno è responsabile del modo in cui sceglie o meno di prenderla in considerazione nella sua analisi del sistema economico mondiale, delle sue ingiustizie e dei cambiamenti da apportarvi.
  • Dalla galera Usa per Assange a quella greca per chi denuncia la politica corrotta
    Antonio Cipriani ci racconta del giornalismo di Assange che, per aver denunciato cose orrende commesse dal potere violando il segreto utile a coprire i crimini, ora rischia la galera a vita se estradato degli Stati Uniti. Qualche dovuta ironia su certo giornalismo tuttologo da salotti tv da ‘brodino riscaldato’–splendida immagine- all’attualità del giornalismo greco -Unione europea- che minaccia di galera i giornalisti che hanno scoperto e denunciato le loro ruberie. Scandalo Novartis, multinazionale dei farmaco che elargiva tangenti alla politica per ottenere prezzi più altri per la vendita dei loro prodotti, rubando a tutti col ricatto sulla malattia. Non è piccola cosa ciò che sta accadendo in Grecia, nella quasi totale disattenzione della stampa internazionale
  • Danimarca, Spagna e Grecia 4° dose ai fragili. Ungheria a tutti. Italia e la burocrazia del Covid
    Quarta dose, in Europa partono Danimarca, Spagna e Grecia. E Ungheria. In Israele già vaccinati con il secondo richiamo, la quarta dose, in 500 mila. In Cile dopo gli immunodepressi è il turno degli over 55. Italia, il presidente della Regione Lazio Zingaretti: ‘regole semplificate e chiare contro la burocrazia del Covid’.
  • La libertà di stampa degli Assange che meritiamo
    È esaltante il profumo di libertà che sale dalle arene mediatiche. Lo percepisci, un misto di aromi di intelligenza e potere, con quella sua fragranza antica e nel contempo nuova nuovissima, direi innovativa, di informazione appena messa a tavola, apparecchiata con i suoi servizi buoni, tra argenterie e cristalli, pizzi antichi, vezzi e vizietti. Una compagnia di amici che si leggono, stimano, interpellano e recensiscono l’un l’altro. Ospitate e libri cartonati buoni per fare un dono significativo a qualcuno che ti sta davvero sulle scatole.
  • Libertà e libertinaggio
    Con questa riflessione voglio chiarire un possibile equivoco, che può essere facilmente ingenerato da alcune mie posizioni nei riguardi delle relazioni erotiche e sessuali, quando non vengono correttamente intese. L’ipotesi della “coppia aperta”, di cui mi sono dichiarato più volte fautore, si pone, regge, ha valore, solo nel caso di un rapporto che funziona, di un rapporto cioè in cui è ancora vivo il desiderio reciproco.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: