Salvinik

Roma, 29 maggio 2018 – Che Salvini non avrebbe rinunciato alla sua parte di “duro” lo sapevamo e potevamo comunque immaginarlo. Dal Presidente Mattarella  ci aspettavamo invece che una legittima difesa delle sue prerogative costituzionali non arrivasse fino a rischiare uno scioglimento delle Camere subito dopo la formazione di una maggioranza parlamentare. Tanto più in assenza di una legge elettorale in grado di superare gli ostacoli ad una maggioranza omogenea e stabile incontrati col “rosatellum”.

Aggiungo, per quello che vale, che alla vigilia della decisione di Mattarella di rifiutarsi alla nomina di Savona, il presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida non aveva avuto dubbi nel precisare, in un’intervista a Radio Radicale, che al Capo dello Stato compete la facoltà di consigliare, suggerire, convincere, manifestare eventualmente qualche perplessità legata alla persona, ma non obiezioni definitive sulla nomina dei ministri per questioni di indirizzo politico, indirizzo che nella nostra repubblica parlamentare compete – ha inteso chiarire il costituzionalista Onida – soltanto al governo e al Parlamento.

Sta di fatto che oggi ci troviamo davanti a difficoltà non meno gravi di quelle che avremmo incontrato se le cose fossero andate per il loro verso. Il governo Cottarelli, se ci sarà, nascerà minoritario vista la dichiarazione odierna di Forza Italia che non voterebbe la fiducia (altrimenti addio al centrodestra, ha precisato Salvini). Elezioni dopo Agosto, ha detto Cottarelli. Ma anche se per qualche resipiscenza dovesse ottenere  la fiducia sarà perché il mandato prevede solo l’approvazione della legge di bilancio e una durata limitatissima, con elezioni subito dopo lo scioglimento delle Camere in una data (imprecisata?) del 2019. Obbiettivo, mi pare, difficilmente compatibile con quanto affermava stamani anche la Presidente del Senato Casellati, l’urgenza di una nuova legge elettorale che il Parlamento dovrebbe varare nei mesi estivi o, nel caso di una fiducia delle camere, in quelli immediatamente successivi.

Ora c’è chi dice che il diabolico Salvini aveva progettato tutto fin dall’inizio, incastrando prima Di Maio in una coabitazione improbabile e tuttavia sollecitata, proprio per la sua impraticabilità, dall’opposizione renziana e da gran parte dei media. E poi Mattarella, irrigidendosi nella scelta di un ministro dell’economia come Savona, probabilmente non gradito  all’UE e ai grandi mercati finanziari, ma che, ha ripetuto oggi il leader della Lega, avrebbe rappresentato in Europa maggiori autorevolezza e prestigio dell’altro candidato al ministero, Giorgetti. Congetture? Certo, ma è possibile che il crescere dei sondaggi a favore della Lega più che dei Cinque Stelle lo abbia convinto a puntare di nuovo sul voto quasi immediato, scaricando la responsabilità del fallimento su Mattarella e proponendosi di sfruttare l’indignazione popolare  per la nuova campagna elettorale.

Che questo piano sia davvero esistito e soprattutto che funzioni resta ancora da vedere, ovviamente. Se è vero che il diavolo fa le pentole ma non i coperchi,  auguriamoci che gli elettori ci riservino con i risultati del prossimo voto qualche sorpresa. Io penso però che, anziché perdere tempo ed energie nel dividersi tra pro e contro il Presidente della Repubblica in vista di un improbabile impeachement, sarebbe meglio che partiti, politologi e media si dedicassero a trovare rapidamente una ragionevole via d’uscita dal vicolo stretto nel quale, per responsabilità di tutti ma soprattutto di Matteo Renzi e del suo passato governo, ci siamo cacciati. E anche Liberi e Uguali dovrebbe rendersi conto che, per realizzare il progetto e il programma politico di un partito unitario della sinistra, non potrà contare sui tempi lunghi che si sono dati nell’assemblea nazionale di sabato scorso.

Pubblicato da nandocan

Mi chiamo Fer nando Can cedda. Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. Il babbo, funzionario statale, voleva fare di me un magistrato ma io ero aspirante giornalista già dal liceo: scrivevo, ciclostilavo e distribuivo il giornalino scolastico. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani,. Io avevo già lasciato l’Azione Cattolica per il “Cenacolo” di Padre Ernesto Balducci. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio padre Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7″, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, soprattutto su Internet, ma a titolo gratuito e volontario e lo stesso vale per il servizio che ho sempre reso ai colleghi negli organismi della categoria (ordine, sindacato). Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. E’ dal 1994 che aspetto l'”Ulivo“. Nel 2008 mi sono deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. E sono diventato nonno.

One thought on “Salvinik

  1. Caro Fernando, ti ho letto in ritardo.
    Salvini ha vinto, ma non ha fatto quello che voleva !
    Di questo tuo commento condivido dunque tutto , ma non il tuo incipit.
    Mattarella ha fatto bene – anzi benissimo e nonostante Onida – a far valere le sue prerogative (costituzionali), a fronte della protervia e della imbecillità di Salvini, che sin da 5 marzo si è autoproclamato nuovo capo del centro destra, anzi della nuova destra italiana.
    Ne vedremo delle belle.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti