Con la plastica prodotta si potrebbe impacchettare il pianeta. Proviamo almeno a riciclarla.

plastica ricicloL’industria produce circa 300 milioni di tonnellate di plastica all’anno – scrive Massimo Lauria su Remo Contro –  Esistono già intere isole di rifiuti sommerse in fondo al mare, gigantesche discariche che modificano la catena alimentare. L’allarme degli scienziati: non c’è più angolo della terra libero dalla nostra spazzatura, è impossibile che la natura riesca a smaltire tutto. La natura da sola no, ma gli uomini che ne fanno parte, osservo io, qualcosa di più potrebbero fare, trasformando il rifiuto in materia prima. Come sostiene il CONAI, consorzio nazionale imballaggi. In uno stabilimento di Montello spa il 75% dei rifiuti di plastica da imballaggi viene riciclato e trasformato dapprima in materia prima-seconda ed in seguito in un nuovo manufatto. Il rimanente 25%, costituito dagli scarti che non sono più riciclabili, può essere trasformato in combustibile e impiegato nei cementifici in sostituzione del carbone. Leggo dal sito di GreenBiz che “dalle bottiglie di plastica si ottengono scaglie in PET adatte per la produzione di lastre, contenitori, prodotti per l’edilizia, per le auto o per il settore tessile, ma anche per ottenere nuove bottiglie d’acqua. Dai flaconi di detersivo si ricavano granuli destinati alla produzione di tubi e geo-membrana bugnata. Dagli shopper e dagli imballaggi filmati hanno origine scaglie e granuli utilizzati per produrre vasi per fiori, manufatti per l’arredo urbano, nuovi sacchetti e materiali per l’edilizia, come canaline, distanziatori e guaine bituminose”. Quello che il CONAI non dice è che, con un po’ di buona volontà e di seria disciplina ecologica, si potrebbe anche ridurre la quantità incredibile di imballaggi sul mercato, che nella società dei consumi rappresenta a volte un costo doppiamente superfluo (nandocan).

plastica nel mondo***di Massimo Lauria, 30 gennaio 2016 – Un enorme rotolo di domopak potrebbe avvolgere l’intera superficie della terra. È la curiosa scoperta di un team di scienziati inglesi guidati da professor Jan Zalasiewicz dell’Università di Leicester. Secondo lo studio pubblicato dalla rivista scientifica Anthropocene, da dopo la seconda guerra mondiale l’essere umano ha prodotto tanta plastica da impacchettare l’intero pianeta. Peccato non poterlo conservare come si fa coi cibi in frigorifero. Al contrario il rischio è quello di soffocarlo. È l’ulteriore conferma – dicono gli scienziati – che le attività umane stanno avendo un impatto dannoso sul nostro mondo.

La notizia, apparsa sul Guardian pochi giorni fa, è l’ennesimo allarme lanciato dalla comunità scientifica internazionale sul legame tra produzione industriale e cambiamento climatico. I risultati della ricerca hanno sorpreso persino gli scienziati. “Sapevamo che gli esseri umani avessero prodotto crescenti quantità di plastica di diverso tipo nel corso degli ultimi 70 anni – ha commentato Zalasiewicz – ma non avevamo idea di quanto lungo fosse stato il suo viaggio sul pianeta. Adesso scopriamo che non soltanto ha galleggiato attraverso gli oceani, ma che si è insinuata negli angoli più remoti dei fondali marini. E questo non è sintomo di buona salute per la nostra terra”.

C’è tanta plastica annidata nella crosta terrestre e negli oceani da essere considerata come indicatore di una nuova era geologica. Ovvero l’Antropocene, che rimpiazza l’Olocene iniziato circa 12.000 anni fa. Esistono già intere isole sommerse di rifiuti, gigantesche discariche che modificano la catena alimentare. Sono coinvolte persino le regioni polari, finora considerate incontaminate. Nel 2014 gli studiosi hanno trovato significative quantità di granuli di plastica congelati nel Mar Glaciale Artico.

Non c’è più angolo della terra libero dalla nostra spazzatura. Resti di bottiglie, sacchetti del supermercato, grumi di polistirolo, compact disc, filtri di sigaretta, calze di nylon e altre materie plastiche. È il lungo elenco stilato dai ricercatori che avvertono: la plastica è entrata a far parte anche della nostra alimentazione attraverso i pesci che mangiamo. Senza contare quella assimilata dai gabbiani che la restituiscono alla terra e al mare sotto forma di escrementi. Impossibile che la natura riesca a smaltire tutto.

Dal 1945 ad oggi il mondo ha prodotto circa 5 miliardi di tonnellate di plastica, al ritmo vertiginoso di 300 milioni di tonnellate all’anno con una progressione aritmetica crescente. Tanto da far immaginare il raggiungimento dei 30 miliardi entro fine secolo. “L’impatto sarà colossale”, avverte ancora il professor Zalasiewicz.

Pubblicato da nandocan

Mi chiamo Fer nando Can cedda. Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. Il babbo, funzionario statale, voleva fare di me un magistrato ma io ero aspirante giornalista già dal liceo: scrivevo, ciclostilavo e distribuivo il giornalino scolastico. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani,. Io avevo già lasciato l’Azione Cattolica per il “Cenacolo” di Padre Ernesto Balducci. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio padre Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7″, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, soprattutto su Internet, ma a titolo gratuito e volontario e lo stesso vale per il servizio che ho sempre reso ai colleghi negli organismi della categoria (ordine, sindacato). Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. E’ dal 1994 che aspetto l'”Ulivo“. Nel 2008 mi sono deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. E sono diventato nonno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti