Il continente più giovane, i leader più vecchi. L’Africa al potere

Africa studenti di economia bancariaDal sito di “Voci globali” vi propongo un’interessante analisi dei motivi per cui il continente più giovane, con due terzi degli abitanti al di sotto dei 35 anni, non riesce a rinnovare la propria classe dirigente (nandocan).

***di Antonella Sinopoli, 18 gennaio 2016 – Il continente più giovane con i leader più vecchi. Sì, è l’Africa. Orientata verso il futuro – nella tecnologia così come nella crescita economica – ma ancora stretta nelle mani di pochi, al potere da decenni e anziani.

Apre la lista Robert Mugabe – presidente dello Zimbabwe – che con i suoi 91 anni è il leader più anziano del mondo. Lo segue – nato solo qualche mese dopo, anche lui nel 1926 – il presidente della Tunisia, Beji Caid Essebsi. Ci sono poi: Paul Biya (Cameroon, 82); Ellen Johnson Sirleaf (Liberia, 80); Abdelaziz Bouteflika (Algeria, 78); Alpha Condé (Guinea, 75); Hage Geingob (Namibia, 74); Jacob Zuma (Sud Africa, 73); Teodoro Nguema (Guinea Equatoriale, 73). E poi, i più “giovani”, Eduardo dos Santos  (Angola, 72) e Yoweri Museveni presidente dell’Uganda (71). Naturalmente, parliamo di presidenti in carica da decenni, alcuni grazie a modifiche costituzionali. Una sorta di “dittatura democratica”.

Sommato, il periodo di tempo trascorso al potere è pari a 392 anni, quasi 4 secoli con una media di anni in carica che va da 29 a 36 anni. Quasi due generazioni. L’analisi è presto fatta: un’ampia percentuale della popolazione africana non era ancora nata quando il loro leader (attuale) ha preso il potere.

Come ha fatto notare in un recente articolo il magazine Africa Watch, l’85% degli angolani non era nato quando Dos Santos divenne presidente nel 1979, l’83% degli abitanti dello Zimbabwe è nato successivamente all’investitura di Mugabe (arrivato al potere come primo ministro nel 1980) e il 79% degli ugandesi sono nati dopo il 1986, anno in cui Museveni è stato nominato presidente. Cosa vuol dire? Che solo tra il 15 e il 21% dei cittadini era già nato quando i loro presidenti (o in precedenza primi ministri) entravano in carica.

A parte la capacità intellettuale e fisica dovuta all’età – ricordiamo lo scivolone di Mugabe che è costato una dura reprimenda allo staff della sicurezza e il discorso in cui, pare a causa dello scambio di un foglio con un altro, sollecitava la caduta del suo stesso partito – cosa possono dire leader così anziani alle giovani generazioni? Leader nati in un altro secolo, leader ancora legati al linguaggio (e mentalità) delle lotte per l’indipendenza dal giogo coloniale. Leader con una visione più rivolta al passato – e alla conservazione del potere ovviamente – che al futuro.

Eppure l’Unione Africana aveva proclamato il 2009-2018 decennio della gioventù africana con l’obiettivo – tra gli altri – di coinvolgere i giovani nei processi decisionali e nelle attività politiche.

Con una popolazione totale del 65% al di sotto dei 35 anni, e del 35% tra i 15 e i 35 l’Africa è il continente più giovane e il trend non è destinato a scendere, anzi ad aumentare, grazie anche a migliori condizioni di vita, un maggior accesso ai servizi sanitari e alla costante urbanizzazione. Entro il 2020 su 4 cittadini, 3 saranno ventenni.  Eppure…

Avidità di potere, macchinazioni politiche, pratiche di corruzione, relazioni commerciali e politiche interne e con poteri (politici ed economici) esteri: sono alcuni dei motivi che non lasciano spazio al cambiamento. Un altro tipo di analisi potrebbe soffermarsi sul ruolo di tali leader come “padri della nazione”, la cui esperienza e saggezza rimane fondamentale per la guida del loro Paese. Se così fosse – però – i Paesi guidati dagli ottuagenari dovrebbero avere economie e servizi sociali al top ma non sembra sia proprio così.

Il problema è che all’orizzonte non si intravede un’inversione di rotta. I fattori si intersecano e sono difficilmente divisibili l’uno dall’altro. Se manca una gioventù impegnata politicamente – e questo non è vero – è forte la dissuasione a lasciarsi coinvolgere e, soprattutto è ristrettissimo lo spazio lasciato a giovani emergenti e con aspirazioni politiche, spesso relegati a ruoli gregari come l’organizzazione dei rally pre-elettorali. In questo modo l’Africa dei giovani con una visione del futuro, dei giovani delle start-up, di quelli che navigano in Internet e comunicano con il mondo intero, rimane lontana dai luoghi del potere politico.

Il 2016 è un anno chiave per gli avvicendamenti di partito e di potere. In programma elezioni legislative, presidenziali, referendum e fasi pre-elettorali. Potrebbe essere un’occasione ma temiamo di non essere smentiti se diciamo che non rimarremo granché stupiti dai risultati.

Da vociglobali

Pubblicato da nandocan

Mi chiamo Fer nando Can cedda. Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. Il babbo, funzionario statale, voleva fare di me un magistrato ma io ero aspirante giornalista già dal liceo: scrivevo, ciclostilavo e distribuivo il giornalino scolastico. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani,. Io avevo già lasciato l’Azione Cattolica per il “Cenacolo” di Padre Ernesto Balducci. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio padre Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7″, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, soprattutto su Internet, ma a titolo gratuito e volontario e lo stesso vale per il servizio che ho sempre reso ai colleghi negli organismi della categoria (ordine, sindacato). Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. E’ dal 1994 che aspetto l'”Ulivo“. Nel 2008 mi sono deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. E sono diventato nonno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti