Africa, omicidi in mare e rapina delle terre. Quando il loro 25 aprile?

migranti su un camion***di Massimo Lauria, 25 aprile 2015* – Sono oltre 26 mila i morti ammazzati nel Mediterraneo negli ultimi 15 anni. Oltre mille e settecento dall’inizio del 2015. Ma la soluzione che va di moda a Bruxelles e nei corridoi di certa politica italiana è bombardare i barconi prima che partano. Un atto di guerra invece di un ponte umanitario. Come se le decine di migliaia di persone che fuggono dai loro Paesi in guerra e depredati dalle grandi corporation occidentali fossero dei banditi da arginare. La soluzione è stata bocciata con una certa ironia persino dal Vaticano: “È un’idea stranissima: ma cosa bombardano?”, ha chiesto il cardinale Antonio Maria Vegliò.Una soluzione per bloccare i tanti omicidi in mare va trovata e al più presto. Probabilmente la decisione dell’Europa di triplicare le risorse per Triton – finora piuttosto inefficace – non porterà ai risultati sperati contro il traffico di esseri umani. Ma creare un’opinione pubblica convinta che l’immigrazione sia una questione contingente, legata solo ai barconi da distruggere è un’idea altrettanto pericolosa. Le persone non smettono di fuggire solo perché non hanno più le barche. E i trafficanti troveranno mezzi alternativi.

Da ogni sponda politica arrivano soluzioni più o meno strampalate per frenare i flussi migratori. In pochi però si fermano ad analizzarne le cause, scoprendo magari che un rimedio a lungo termine si trova pure. Fermare le guerre che anche i nostri governi hanno contribuito ad alimentare, come in Siria o in Libia, potrebbe essere già un buon passo in avanti. Ma non basta. Le ragioni di tanto disagio risalgono a politiche neocoloniali ben più invasive e radicate. Le nostre multinazionali, ad esempio, da anni rubano la terra ai legittimi proprietari, sfruttandola in nome del profitto.

Parliamo di cifre. Dal 2000 ad oggi ben tredici popolazioni di Paesi africani si sono visti sottrarre violentemente oltre 20 milioni di ettari di terreni coltivabili, pari al 55,5% delle terre dell’intero pianeta. I dati sono forniti dal World Watch Institute. Le rapine, o land grabbing per dirla all’americana, avvengono su impulso di investitori stranieri. Il primato è degli Stati Uniti, con oltre 6 milioni e 900 mila ettari di terre portate via agli abitanti locali. Seguono la Malesia e l’Indonesia, rispettivamente con 3 milioni e 600 mila e 2 milioni e 900 mila ettari.

Sudan meridionale, Repubblica Democratica del Congo, Mozambico, Congo, Liberia, Sierra Leone ed Etiopia sono i Paesi africani più colpiti dalla speculazione. Qui le multinazionali arrivano e si appropriano dei terreni come se non ci abitasse nessuno. Per queste aziende il diritto al cibo -sancito in numerose convenzioni internazionali- è un corollario normativo fastidioso e inutile. Ma i flussi migratori maggiori, guarda caso, arrivano proprio da quei Paesi. Così come pure la concentrazione dei campi profughi più grandi del mondo. Lo dice l’Unhcr, l’agenzia dell’Onu per i rifugiati.

Com’è possibile dunque fermare gli esodi di massa di queste persone semplicemente isolandoli nei loro confini? Se non hai da mangiare non smetti di farlo, semplicemente te lo vai a cercare da qualche altra parte. È quello che è successo anche agli italiani degli inizi del ‘900. Ma la nostra memoria sembra corta.

Ecco perché nel settantesimo compleanno della nostra Liberazione un pensiero va ai tanti, troppi, morti ammazzati in mare. Ai tanti che vengono rapinati delle loro terre e cacciati via a forza. Ai profughi recintati in campi sterminati, da cui provano a scappare annegando nel Mediterraneo. In questo 25 aprile un pensiero va alle migliaia di persone che sbarcano nell’Italia liberata dai nazi-fascisti e assediata ora dall’arroganza e dalla prepotenza di certo populismo becero e greve. Con l’augurio che per tutti loro arrivi presto la Liberazione.

* da RemoContro, il grassetto è di nandocan

Pubblicato da nandocan

Mi chiamo Fer nando Can cedda. Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. Il babbo, funzionario statale, voleva fare di me un magistrato ma io ero aspirante giornalista già dal liceo: scrivevo, ciclostilavo e distribuivo il giornalino scolastico. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani,. Io avevo già lasciato l’Azione Cattolica per il “Cenacolo” di Padre Ernesto Balducci. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio padre Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7″, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, soprattutto su Internet, ma a titolo gratuito e volontario e lo stesso vale per il servizio che ho sempre reso ai colleghi negli organismi della categoria (ordine, sindacato). Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. E’ dal 1994 che aspetto l'”Ulivo“. Nel 2008 mi sono deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. E sono diventato nonno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti