Rifugiati, Unhcr: “Vittime delle frontiere in aumento, 5 morti ogni 100 arrivati”

All’incontro promosso alla Lumsa dagli studenti di “Good morning youth” la portavoce dell’Agenzia Onu per i Rifugiati ribadisce l’importanza dell’istituzione di un canale umanitario e denuncia: “Vediamo accolti con indifferenza gli appelli che facciamo”

rifugiati Torino***dal Redattore Sociale, 24 marzo 2015 – “Il numero delle vittime è in aumento, sono morte 5 persone ogni 100 che sono arrivate, sono già 400 i morti solo dall’inizio dell’anno”. Lo ha affermato Carlotta Sami, portavoce dell’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati (Unhcr) questa mattina all’incontro “Protect People Not Borders”, organizzato all’università Lumsa di Roma dal gruppo di studenti “Good morning youth”. Sami ha citato il dramma dell’aumento delle vittime per ribadire l’importanza dell’istituzione di un canale umanitario che permetta  a coloro che fuggono da guerre e violenza di richiedere l’asilo in Italia e in Europa senza rischiare la vita.

Nonostante l’importanza di “canaIi legali per la richiesta di asilo”, “ai vertici europei ci si concentra sulla tutela dei confini”, ha spiegato la portavoce dell’Unhcr agli studenti. Sami ha poi affermato che “le agenzie dell’Onu non sono più – come si crede – una soluzione”, “vediamo accolti con indifferenza gli appelli che facciamo, siamo obbligati a lavorare con il 40 per cento del budget necessario”. “Oggi si parla di rifugiati ma non delle guerre che costringono alla fuga, che vengono date per scontate – ha concluso Sami – manca la pressione dell’opinione pubblica per la pace”.

Il tema dell’accoglienza in contrasto con la tutela delle frontiere è stato affrontato dagli studenti di  “Good morning youth” con un filmato che ha messo in evidenza il numero di civili colpiti, uccisi e messi in fuga dal conflitto siriano. Sono stati inoltre posti a confronto i fondi stanziati dall’Unione Europea per la “protezione dei confini” con quelli destinati all’accoglienza: 1 miliardo e 820 milioni contro 630 milioni nel periodo 2007-2013. Francesco Bonini, rettore dell’ateneo ha parlato dell’importanza del sostegno dell’Università al tema delle migrazioni che consente di “guardare in prospettiva e in profondità” al mondo attuale.

Tareke Brhane, presidente del Comitato Tre Ottobre ha sottolineato l’obiettivo di investire negli studenti e nelle persone giovani per il lavoro di sensibilizzazione che fa parte del percorso della proposta di legge per rendere il 3 ottobre, data in cui naufragarono 368 richiedenti asilo a largo di Lampedusa, “giornata della memoria e dell’accoglienza”. Paolo Beni (Pd), primo deputato a firmare la proposta di legge sull’istituzione della giornata della memoria raccogliendo l’appello del Comitato 3 ottobre, ha affermato che “di fronte a oltre 20mila persone morte in fuga nel mediterraneo in 10 anni, non basta l’indignazione servono scelte politiche ma anche una consapevolezza diffusa”. Di fronte all’aumento dei richiedenti asilo – “nel 2014 sono stati 270 mila i profughi in Europa, di cui 170 in Italia, quasi il doppio del  2011, mentre i conflitti in Siria e Libia sono fuori controllo” – è inoltre fondamentale “superare la logica dell’approccio emergenziale”, “chiudere l’esperienza fallimentare dei mega centri in cui i rifugiati sono ammassati per mesi” e “organizzare un sistema di accoglienza permanente, che costerebbe meno”. (lj)

© Copyright Redattore Sociale

Pubblicato da nandocan

Mi chiamo Fer nando Can cedda. Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. Il babbo, funzionario statale, voleva fare di me un magistrato ma io ero aspirante giornalista già dal liceo: scrivevo, ciclostilavo e distribuivo il giornalino scolastico. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani,. Io avevo già lasciato l’Azione Cattolica per il “Cenacolo” di Padre Ernesto Balducci. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio padre Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7″, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, soprattutto su Internet, ma a titolo gratuito e volontario e lo stesso vale per il servizio che ho sempre reso ai colleghi negli organismi della categoria (ordine, sindacato). Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. E’ dal 1994 che aspetto l'”Ulivo“. Nel 2008 mi sono deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. E sono diventato nonno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti