Vai alla barra degli strumenti

Il partito senza qualità. Caffè di martedì 11 giugno

IlcaffediMineoDa corradinomineo.it – “No Silvio, no party”. Titola Il Giornale, come dire: abbiamo il leader e nient’altro. È una mezza verità. Perché come Kronos, figlio del Cielo e della terra, è Silvio Berlusconi ad aver divorato la sua progenie.  “La lega è finita”, ammette Gentilini, che ha perso a Treviso con 11 punti di scarto. “A Roma si estingue la destra”, fa eco il Giornale.  Nella Capitale il distacco percentuale tra neo Sindaco ed ex Sindaco è stato enorme: il 36,1 per cento dei voti ad Alemanno, il 63,9 a Ignazio Marino. Si chiude un’era. Il Pdl perde anche Brescia, tracolla a Imperia (e Scajola annuncia il ritiro), perde, a quanto pare al primo turno, Catania e Messina. “Tutti i capoluoghi al centro sinistra” sottolinea il Corriere. “16 a 0”, chiosa la Repubblica. E per La Stampa: “Il centro sinistra fa il pieno”.

Insomma, questa volta c’è pure il vincitore. Ed è chi non avresti immaginato. Il Partito che si era suicidato quando doveva eleggere il Presidente della repubblica. Quello che voleva “smacchiare” il giaguaro e ha finito per legittimarlo, come statista e alleato di governo. Il partito in cui si fa carriera sparando sul leader, che i giovani occupano in polemica con il vertice. Come è successo? Semplice. Perché il Pd è, nonostante tutto, l’unico rimasto in campo. Perché tutti gli avversari hanno giocato nel suo campo, pensando di fare un capolavoro, ma hanno finito per mostrarne la necessità.  Il partito senza qualità, dimostra come l’uomo di Musil di essere ricco di potenzialità. Beppe Grillo, invece, twittando e sbraitando da mane a sera, ha mostrato quanto fossero fragili le strutture del Movimento 5 Stelle. La lega di Maroni non è niente, né Dio Po né politica trasformista. Bobo, se vuole un consiglio, lasci stare Pontida e cerchi di amministrare la Lombardia. Quanto al PDL, si è ridotto ormai “all’esercito di Silvio”. Un partito che può organizzare gite domenicali anti PM, ma non sa fare primarie, né scegliere candidati, né indicare programmi locali. In più, diciamolo. I clientes fuggono dalla premiata ditta Berlusconi & C. “No euro, no party”.

Ma non lasciamoci prendere dall’euforia. L’autore della straordinaria vittoria a Roma, Ignazio Marino, ha riunito, al secondo turno, centomila voti meno di quanti non ne avesse raccolti, al primo, Rutelli nel 2008. L’astensione ha colpito di più destra, lega e 5 Stelle. Ma, a questi livelli, non si può considerare un fenomeno acquisito. Se alle politiche si manifestassero offerte in grado di riportare alle urne un po’  di quelli che ieri le hanno disertate, il trionfo del centro sinistra potrebbe trasformarsi di nuovo in sconfitta. Guai, dunque, a immaginare che il Pd possa fare a meno di una politica, di un congresso che discute di valori e  proposte, di un assetto che superi il mercimonio delle nomine compiuto dalle correnti. Attenti a Boccia, che già preconizza un futuro doroteo per il Pd: “il partito è uscito dallo stallo – dice lo stretto collaboratore del premier, Letta – e riparte dai territori e dal governo per costruire il futuro”. Immagino che su questa linea si schiereranno funzionari e amministratori locali, nell’intento di salvare la loro fetta di potere. Così va il mondo.

Anche per questa, prevedibile, reazione auto consolatoria, il quadro congressuale ora si arricchisce. A Renzi, e Barca,che si capiva già cosa volessero, si sommerà l’offerta dorotea  nel nome del Premier, Letta. Aspettiamo Civati, aspettiamo Cuperlo. Perché è questa la forza del Pd. Lo dico a quanti mi hanno chiesto perché insistessi su più cavalli (di razza?) che dovranno correre per il congresso. Quanto più il Partito Democratico saprà discutere in modo trasparente del suo passato e del suo futuro, tanto più da “luogo” della politica, quale ha mostrato di essere in queste amministrative, potrà diventare “soggetto” di una nuova politica. Quanto più sarà severo con i suoi errori, tanto più potrà raccogliere “la semina”, di cui parla oggi Pierluigi Bersani. Ci torneremo. Oggi godiamoci il risultato.

Oggi Berlusconi prende la misura della sua solitudine. Prenderà la misura del tempo. Così lontano quello in cui, con un colpo di bacchetta, trasformava venditori di pubblicità in politici di successo, ex fascisti e barbari leghisti in presentabili amministratori. Il giocattolo si è rotto. Il doppiopetto non gli si addice. Ormai è il leader di una minoranza che sa, in cuor suo, di avere perso. Ma soprattutto Silvio ora vede bene come Letta e Napolitano abbiano lanciato un’Offerta Pubblica d’Acquisto sul suo ex impero. Se il 19 la Cassazione dovesse confermare l’interdizione dai pubblici uffici, a Quagliariello, Alfano, Lupi e Lorenzin non parrà vero di vestirsi a lutto, ringraziare il vecchio Kronos e correre all’ombra di una Dc 2.0. Il trono è in pericolo. Ora lo sa, oltre ogni ragionevole dubbio. E non resterà a guardare.

Non meno interessante si annuncia il confronto nel Movimento 5 Stelle. “Beppe, se non ci dai corda lunga, resterai solo e  impotente”. Glielo diranno in faccia, questa volta. Ora “i dissidenti” vedranno la possibilità di far politica senza “tradire”. Di riempire l’attesa delle proposte del governo, incalzando il Pd sulla legge elettorale, il conflitto di interessi, la legge anti corruzione. Potranno scegliere di fare e non saranno condannati solo a predicare.

E ora forse giornali e televisioni si occuperanno un po’ di Istanbul, delle elezioni tedesche, di Hollande e del semestre italiano. Forse persino dell’iniqua distribuzione del reddito, dell’impoverimento degli insegnanti, dell’insopportabile oltraggio dell’evasione e dell’elusione. E vai! Nulla è cambiato. Quell’esercito di non votanti conferma la diagnosi. Separazione profonda tra società ed elites. Vuoto di idee, programmi e progetti per il futuro. Ma al mercato delle sciocchezze, dovremmo trovare, da domani, una mercanzia meno scadente. Accontentiamoci, solo per oggi.

 

Pubblicato da nandocan

Mi chiamo Fer nando Can cedda. Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. Il babbo, funzionario statale, voleva fare di me un magistrato ma io ero aspirante giornalista già dal liceo: scrivevo, ciclostilavo e distribuivo il giornalino scolastico. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani,. Io avevo già lasciato l’Azione Cattolica per il “Cenacolo” di Padre Ernesto Balducci. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio padre Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7″, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, soprattutto su Internet, ma a titolo gratuito e volontario e lo stesso vale per il servizio che ho sempre reso ai colleghi negli organismi della categoria (ordine, sindacato). Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. E’ dal 1994 che aspetto l'”Ulivo“. Nel 2008 mi sono deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. E sono diventato nonno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: