Vai alla barra degli strumenti

Servizio pubblico: Berlusconi ha vinto e Santoro ha vinto!

12 – 01 – 2013 Luigi Ricci (da Formiche.net)

Dopo due giorni dallo show di Servizio Pubblico ancora c’è chi si chiede chi ha vinto tra Santoro e Berlusconi. C’è chi segna la vittoria di Berlusconi, a scapito di Santoro; chi sostiene il “pari merito”; chi pensa che nessuno dei due si sia guadagnato una posizione di rilievo.

A mio giudizio, la puntata di Servizio Pubblico del 10 gennaio si è contraddistinta per un lavoro di negoziazione ben concepito, tanto da risultare nell’obiettivo auspicato da entrambi i leader: il Win-Win.
Il perfetto rendez-vous tra i vincitori: due ex rivali, veterani dell’era della politica-spettacolo della TV analogica. Michele Santoro, il decano dei conduttori di talk politici e Silvio Berlusconi, il più longevo leader politico in competizione per le prossime elezioni.
L’audience del programma sembrerebbe che abbia gratificato entrambi.
Infatti, i dati Auditel affermano Michele Santoro detentore del suo record storico di ascolto e quello di La7 con 8,7 milioni di spettatori (share del 33,6% e 15,6 milioni di contatti).

Silvio Berlusconi, nella peggiore delle ipotesi, ha conquistato non meno di 600 mila elettori, come stimano i principali sondaggisti. Quindi +1,5 punti, che rinverdiscono la speranza al recupero di Berlusconi (del resto non nuovo a queste imprese).
Il fatto di aver assistito ad un avvenimento Win-Win si è palesemente dimostrato quando Berlusconi, apostrofando Santoro “Mi raccomando: faccia buoni ascolti eh”, lasciava lo studio, consapevole di un grande successo “fuori casa”.
Solo dopo la lettera-requisitoria di Berlusconi contro Travaglio, Santoro ha intuito che la vittoria di Berlusconi sarebbe stata incommensurabilmente più grande di quella negli ascolti.

Perché dalla trasmissione Berlusconi se ne sarebbe andato via anche con lo scalpo di Travaglio, e questo è stato un colpo di scena non previsto dagli autori del programma, poiché,  buona parte della scaletta pare sia stata in qualche modo concordata con lo staff di Berlusconi.

Dopo l’affondo a Travaglio, si è visto un Santoro, con gli Chakra bloccati, privo di energia, di fronte ad un Berlusconi raggiante, colto dalle telecamere in uno stato di grazia in cui non si vedeva da tempo.

Il Berlusconi di questa campagna elettorale non è quello di un anno fa. Sarà anche merito delle cure rigeneranti cui si è sottoposto, lo scorso novembre, nel resort di Briatore a Malindi, mentre i suoi avversari, Bersani, Grillo e Monti, sono da mesi sotto pressione.
Sta di fatto che nella puntata di “Servizio Pubblico” Silvio Berlusconi è ricorso, senza rendersi conto, alle migliori tecniche di programmazione neuro linguistica (PNL), tattiche di persuasione capaci, con un minimo di abilità, di indurre le persone ad agire come secondo i propri piani.

Aver scelto di aprire Servizio Pubblico, con il video della discesa in campo di Silvio Berlusconi nel 1994, è stato il miglior assist per consentirgli l’ancoraggio rapido. Tecnica adottata dai campioni sportivi per migliorare le loro prestazioni e dai grandi oratori per essere più convincenti nei confronti chi li ascolta.

Nel 1994, in pochi mesi, ha saputo rimontare sul Pds di Occhetto ed arrivare a Palazzo Chigi in appena 4 mesi: questo ricordo lo ha posto nella posizione mentale perfetta per gestire la puntata.
Come sarebbe andato a finire l’esito della serata, se Santoro avesse, invece, mandato in onda il videomessaggio di Berlusconi del novembre 2011, in cui annunciava le sue dimissioni da Presidente del Consiglio dei Ministri?

Luigi Ricci

Pubblicato da nandocan

Mi chiamo Fer nando Can cedda. Il nome del sito è un facile omaggio a Sandokan, eroe letterario di un’infanzia remota. Sono nato a Cagliari l’8 Maggio 1936. Nelle strade italiane si festeggiava la precaria conquista di una colonia africana. Sardi erano i miei genitori e così i loro ascendenti, solo la nonna materna era di Firenze. Devo forse a lei se la famiglia si trasferì in quella meravigliosa città e lì sono cresciuto, primo di cinque fratelli. Studi classici e laurea il Giurisprudenza. Il babbo, funzionario statale, voleva fare di me un magistrato ma io ero aspirante giornalista già dal liceo: scrivevo, ciclostilavo e distribuivo il giornalino scolastico. La prima “vera” redazione è stata, nel 1962, quella del “Giornale del Mattino“. Era la stagione di una Firenze culturalmente vivace e cosmopolita, del sindaco La Pira e di don Lorenzo Milani,. Io avevo già lasciato l’Azione Cattolica per il “Cenacolo” di Padre Ernesto Balducci. Scrivevo per “Testimonianze”, una delle riviste del “dissenso” cattolico. E fu proprio padre Balducci a benedire – nel dicembre del ‘64 – il mio matrimonio. Un anno dopo, con una sposa appena laureata in lettere e una figlia di poche settimane, viaggiavo verso Roma a bordo di una Fiat “850”. Assunto con selezione pubblica dal telegiornale RAI, l’unico allora in Italia, direttore Fabiano Fabiani. A trent’anni entrai nella redazione del mitico “TV7″, il sogno di ogni giovane giornalista. Nel 1969 la nomina a “inviato speciale”, secondo e ultimo gradino della mia carriera professionale. E la nascita del secondo e ultimo figlio, nel medesimo anno. Nel 1976 l’invito di Andrea Barbato a entrare nella prima redazione del “TG 2“, invito accolto ovviamente con entusiasmo. Pochi anni dopo, con l’avanzata implacabile della lottizzazione, Barbato venne costretto ad andarsene e l’entusiasmo cominciò a venir meno. Chi non aveva “santi in parlamento” poteva affermarsi solo se molto disponibile e io non lo ero. Al contrario, mi impegnavo nel comitato di redazione, nell’Usigrai, mi esponevo nelle assemblee. Riuscii a salvarmi professionalmente lavorando nelle rubriche e nei servizi speciali, occupandomi, spesso con soddisfazione, di cronaca, di cultura, di costume, di religione. Finché al TG 2 sopravvisse dignitosamente il giornalismo d’inchiesta, ci fu ancora modo di divertirsi, o almeno di lavorare con serietà. Nel ’96, sotto la direzione di Mimun, scelsi lo “scivolo” e la pensione anticipata. Da allora continuo a fare il giornalista, soprattutto su Internet, ma a titolo gratuito e volontario e lo stesso vale per il servizio che ho sempre reso ai colleghi negli organismi della categoria (ordine, sindacato). Nell’ottobre del 2013, ho compiuto 50 anni di professione. E’ dal 1994 che aspetto l'”Ulivo“. Nel 2008 mi sono deciso per la prima volta a entrare in un partito, il PD, per aiutarlo a diventare davvero “nuovo”. E sono diventato nonno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: